ESPANDERE L’AZIENDA IN TEMPI DIFFICILI

Esiste una sorta di “conoscenza tacita” riguardo al processo di selezione; non riguardano gli aspetti relativi alle procedure, ma bensì le leggi fondamentali che governano il meccanismo di aumento quantitativo di un gruppo.

Tale conoscenza tacita non modifica o altera in alcun modo le procedure o gli strumenti operativi per portare avanti una selezione, ma si affianca alla conoscenza articolata rendendo quest’ultima più efficace e funzionale.

Il fattore della crescita di un gruppo è profondamente regolato da aspetti che riguardano l’aumento numerico delle persone presenti.

Esiste un triangolo chiamato appunto TRIANGOLO AZIENDALE che spiega il meccanismo della crescita aziendale. Gli angoli che lo compongono sono correlati tra di loro e non possono viaggiare in distonia gli uni con gli altri. Essi sono:   Finanze, Talenti e Servizi.

Cominciamo con il dire che questi tre elementi tendono a crescere in quantità e qualità anche solo operando su uno dei tre fattori. Per esempio se innalzassimo la quantità e la qualità dei soli servizi o prodotti offerti da una azienda essa sperimenterebbe, come conseguenza, un aumento degli introiti economici e l’azienda stessa diventerebbe più attraente per i talenti ossia un luogo in cui le persone più di valore vorrebbero farne parte. Se aumentassero drasticamente l’angolo solo delle risorse finanziarie ecco che l’azienda sarebbe in grado di rendere i propri servizi e/o prodotti più efficaci e accattivanti per il mercato con conseguente incremento di vendite e fatturato per non parlare del potere economico di ingaggio di cui godrebbe sui talenti reperibili sul mercato del lavoro.  Se agissimo sul solo angolo dei talenti gli altri due angoli si innalzerebbero ancora più facilmente.

Dal momento che reperire importanti risorse finanziarie di punto in bianco è impresa che, anche se non impossibile, è però di grande difficoltà nel momento attuale nonché di rischio futuro per l’azienda non rappresentando quel  denaro entrato un vero valore prodotto. E dal momento che innalzare improvvisamente la quantità e la qualità dei servizi e/o prodotti forniti è pressoché impossibile senza procurarsi anche le persone relative che li producono, ecco che il punto di “ENTRATA” per aumentare la propria competitività passa assolutamente tramite la ricerca e l’inserimento di Talenti.

Ogni azienda può iniziare a trovare i talenti e da li cominciare ad innescare il meccanismo virtuoso dell’espansione aziendale. Nella logica del PRIMA CHI E POI CHE COSA. Si tratta di un consolidato concetto che appartiene al mondo delle risorse umane che recita che il valore di un’idea di business è direttamente in relazione alla qualità delle risorse impiegate. In parole povere potresti avere un idea imprenditoriale non particolarmente eccelsa o innovativa pur tuttavia disporre di persone di qualità che sono assegnate ad un tale progetto. Ebbene ne risulterebbe un profitto di un qualche tipo.

Al contrario se avessi una splendida e rivoluzionaria idea imprenditoriale ma non assegnassi ad una tale iniziativa altro che persone di qualità mediocre, ti ritroveresti molto facilmente con dei costi elevati e scarsi risultati finali.

Ecco un video della dott.ssa Federica Broccoli sul soggetto della selezione e dei talenti:

 

Per ottenere un approfondimento maggiore sulle attività di selezione ti consiglio di leggere i seguenti articoli:

http://www.flaviocabrini.it/inserire-persone-valide-in-azienda/
http://www.flaviocabrini.it/la-selezione-inizia-dentro/
http://www.flaviocabrini.it/inclusione/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *