LA SELEZIONE INIZIA DENTRO L’AZIENDA

La prima cosa di cui occorre occuparsi nella selezione è la volontà dei collaboratori di avere nuove persone come membri del gruppo.

Nell’immaginario dell’imprenditore le persone nuove rappresentano dei costi, “non vanno al passo” col resto del gruppo e creano un sacco di traffico inutile. Nascono problemi disciplinari. I pesi morti vengono trascurati.

I membri del gruppo possiedono un certo spirito, un certo slancio e certe competenze e non sono tanto disposti a ritrasmetterli ad altri. Alcune aziende tirano avanti, stentando finanziariamente, rifiutando di selezionare/reclutare e perdendo i vecchi collaboratori attraverso pensionamenti, promozioni a ruoli di livello superiore o “usura generale” (tipologia di lavoro ad alto livello di stress). Provano una specie di orrore nei confronti dei collaboratori alle prime armi. Non si può dar loro torto: gli archivi vengono messi sottosopra, le comunicazioni svaniscono, le interruzioni fatte presentandosi di persona non si contano, e il semplice fatto di smaltire tutto il traffico inutile causa un sovraccarico.

L’aspetto principale, la questione più importante, è che la selezione e il reclutamento VANNO EFFETTUATI, a prescindere da tutto ciò. Non si verificheranno per conto loro. Ogni azienda deve selezionare/reclutare e deve formare. È un’attività che va causata, le persone (soprattutto quelle valide) non arriveranno da sole.

Il sogno degli industriali e persino dei moderni agricoltori è quello di un’attività totalmente automatizzata (mandata avanti automaticamente da macchinari e non da personale). Più il mondo diventa “sovrappopolato”, più i politici/economisti sognano l’automazione. La parte adorabile delle macchine è che sono tenute ad essere invariabili nelle loro azioni. Ogni parte si armonizza senza intoppi con ogni altra parte.

Se concepite una macchina fatta di esseri umani anziché di parti metalliche, vedete subito che le parti non sono esatte, né si adattano perfettamente l’una all’altra. È questo fatto a proposito degli esseri umani che sconcerta gli imprenditori. Le parti non si adattano l’una con l’altra, variano, e hanno idee proprie. Succede anche che le “parti” si stacchino dalla “macchina”.

Qualsiasi sistema passato indirizzato alla gestione del personale, cercava di adattare le persone all’interno della “macchina” composta di persone, o di adattare la “macchina” alle persone. Tutti questi sistemi si basavano sul principio che nessuna persona cambiasse mai, né migliorasse. Quindi si pensava che un’organizzazione composta di esseri umani richiedesse esseri umani perfetti, o non avrebbe funzionato affatto. Ma non esistono esseri umani perfetti.

Nel “sistemare le aziende” c’è la convinzione che occorra liberarsi di tutti i membri imperfetti. E ciò può arrivare al punto di rifiutare che qualsiasi individuo che non sia perfetto abbia la possibilità di provare o di entrare in azienda. Quando le cose arrivano a questo punto, si è probabilmente spettatori della morte di un’azienda. Nella vita reale solo una piccola percentuale di individui è “inadatta”.

Chiunque effettui assunzioni dovrebbe avere familiarità nel riconoscere le personalità demotivanti e gli “scollaboratori” e cercare di evitare soltanto questi.

Fare altrimenti alzerebbe delle barriere così grandi da non permettere a nessuno di entrare in azienda.

3 pensieri riguardo “LA SELEZIONE INIZIA DENTRO L’AZIENDA

  1. Mi riferisco a questa tua frase:
    “Chiunque effettui assunzioni dovrebbe avere familiarità nel riconoscere le personalità demotivanti e gli “scollaboratori” e cercare di evitare soltanto questi.”
    Come faccio a riconoscerli ? GLi chiedo di parlare dei colleghi e vedo se parlano male di loro ? se parla male dei titolari ?

  2. Cara Anna,
    sicuramente una buona tecnica di colloquio ti aiuterebbe a capire di più le persone che incontri durante le attività di selezione. Questo significa che durante il colloquio tu sei in grado di fare le domande appropriate che facciano emergere i lati caratteriali che intendi investigare.Anche il test HT beta è un ottimo strumento che ti fornisce delle indicazioni attendibili per individuare alcune caratteristiche comportamentali del candidato.
    L’insieme di questi due strumenti, accompagnato da una parte di affiancamento del consulente OSM che ti aiuti a prendere famigliarità con le tecniche, ti renderanno sempre più capace di riconoscere le persone giuste per la tua azienda e creare, nel tempo, un gruppo coeso, ben assortito e produttivo.
    un caro saluto,
    Flavio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *