Per molte tipologie di business, tuttavia, una semplice classificazione dei clienti non offre un quadro sufficientemente esauriente. Occorre una loro profilazione. In genere, sono tre le aree nelle quali va sviluppata:

  1. Anagrafica (chi è il cliente, dove opera, solidità finanziaria, ecc,)
  2. Acquisti (cosa, quanto e con quale frequenza compra, puntualità nei pagamenti, ecc.)
  3. Relazioni (come è stato acquisito, da chi viene seguito, contatti e visite, reclami, ecc.)

Se bene strutturato, selezionando bene quali sono i dati da raccogliere, il database è uno strumento insostituibile per individuare e personalizzare le azioni mirate su cui impostare le campagne di marketing e di vendita.

Potrebbe apparire stucchevole citare continuamente frasi in inglese ma “The money is in the list” riassume davvero con straordinaria efficacia un concetto chiave. E qual è la lista nella quale per un’azienda c’è il denaro di cui può riuscire a disporre? L’estratto conto? Anche quello, certo. Ma la preziosa lista alla quale qui si fa riferimento è il database clienti.

Con il metodo ONE4 vendite e marketing operano per lo sviluppo costante dell’azienda.


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *